Post

Visualizzazione dei post da Maggio, 2017

TERRENO FERTILE

Immagine
L'altro giorno ho incontrato una persona che mi ha raccontato di aver firmato un incarico esclusivo per la vendita della propria casa, con un'agenzia immobiliare. Un vincolo  della durata di 6/9 mesi, All'inizio l'agente immobiliare mi telefonava ogni settimana, mi seguiva, mi rendeva partecipe, poi all'improvviso è scomparso, non si è più interessato al mio immobile, se non rare volte con delle telefonate che avevano come oggetto, il ribasso del prezzo. Un'altro cliente mi racconta che lui non vuole firmare incarichi esclusivi con nessuno, in quanto non si fida delle agenzie immobiliare. Dopo un mese lo incontro e gli chiedo se avesse già venduto il proprio immobile e la sua risposta mi sciocca ( anche se non più di tanto ): " Non ho ancora venduto, ho firmato l'esclusiva a ......." Cosa è successo, ha incontrato degli agenti immobiliari o di Tec..... o della Tosc...... che hanno una capacità persuasiva , fuori dal comune, fanno corsi per

IL CREDITO D'IMPOSTA PER IL RIACQUISTO DELLA PRIMA CASA

Chi vende l’abitazione acquistata con le agevolazioni ed entro un anno ne compra un’altra in presenza delle condizioni per usufruire dei benefici “prima casa”, ha diritto a un credito d’imposta pari all’imposta di registro o all’Iva pagata per il primo acquisto agevolato. Il credito d’imposta spetta anche quando il riacquisto avviene con contratto di appalto o di permuta. Con la circolare n. 12/E dell’8 aprile 2016, l’Agenzia delle Entrate ha precisato che, in considerazioni delle modifiche che hanno interessato la normativa in materia di “prima casa”, il credito d’imposta spetta anche quando il contribuente acquista la nuova abitazione prima della vendita dell’immobile già posseduto.

L'ACQUISTO CON I BENEFICI PRIMA CASA

Le imposte da pagare sono ridotte quando l’acquisto viene effettuato in presenza dei requisiti “prima casa”. In generale, queste agevolazioni si applicano quando: • il fabbricato che si acquista appartiene a determinate categorie catastale • il fabbricato si trova nel comune in cui l’acquirente ha (o intende stabilire) la residenza o lavora • l’acquirente ha determinati requisiti.

L'ACQUISTO DI UNA CASA : LE IMPOSTE

Le imposte da pagare quando si compra una casa dipendono da diversi fattori e variano a seconda che il venditore sia un “privato” o un’impresa e l’acquisto venga effettuato in presenza o meno dei benefici “prima casa”. In questo capitolo viene descritto il regime fiscale previsto per l’acquisto di un’abitazione effettuato senza l’applicazione delle agevolazioni “prima casa” (di cui si parlerà nel capitolo successivo). LE IMPOSTE DOVUTE QUANDO SI ACQUISTA DA IMPRESA Se il venditore è un’impresa, la regola generale è che la cessione è esente da Iva. In questo caso, quindi, l’acquirente dovrà pagare: • l’imposta di registro in misura proporzionale del 9% • l’imposta ipotecaria fissa di 50 euro • l’imposta catastale fissa di 50 euro. QUANDO SULLE VENDITE È DOVUTA L’IVA