Post

Visualizzazione dei post da Novembre, 2016

ACCERTAMENTI SU IMMOBILI E RESIDENZA

Cambio di residenza : i proprietari che hanno usufruito delle agevolazioni prima casa potrebbero ricevere un accertamento dal fisco. Per usufruire dell' agevolazione fiscale prima casa , si decide di fissare la residenza in comuni diversi oppure si finge sulla categoria catastale del proprio immobile. Una circolare del Ministero dell'Economia ha vietato il cambio di residenza esclusivo di chi conserva l'effettiva dimora nella casa di proprietà, mentre la giurisprudenza ha recentemente ribadito un concetto legato alle agevolazioni fiscali prima casa che non sono dipendenti dell'età e dall'epoca in cui l'immobile è stato costruito. False residenze e agevolazioni prima casa Si sono moltiplicati, negli ultimi mesi, i controlli del fisco sui nuclei familiari nei quali i coniugi hanno fissato la residenza in immobili diversi al solo scopo di ottenere i vantaggi sull'Imu, sull'Iva ed ora, evidentemente, anche sulla Tasi. Si tratta di residenze fittizie

Manutenzione della caldaia

Ogni anno con i primi freddi arriva anche il cruccio della manutenzione della caldaia. La periodicità con cui si deve eseguire varia da regione a regione. Molti hanno uniformato i calendari alle disposizioni nazionali, mentre altre hanno legiferato in maniera autonoma. A Brescia ed in Lombardia la manutenzione va fatta ad anni alterni. La spesa media nazionale per revisione e manutenzione della caldaia è di € 65 , escludendo però il controllo dei fumi. I costi variano molto, sia dall'artigiano a cui ci si affida, sia anche alla città in cui si vive. Quali sono le norme che regolano il lavoro dei manutentori ? Il riferimento è  contenuto nel Dpr 74 del 2013 che recepisce una direttiva europea e rinnova la disciplina sui controlli di efficienza energetica degli impianti di climatizzazione invernale, stabilendo anche che al termine dell'attività di manutenzione l'operatore dovrà redigere e sottoscrivere un rapporto di controllo tecnico. 

Mettere in sicurezza i condomini

La legge di stabilità del 2017 ha confermato e rafforzato i bonus casa. Ovvero quelli per le ristrutturazioni e la riqualificazione energetica, oltre ad introdurre, l'innovazione del sisma bonus. L'agevolazione per la ristrutturazione è prorogata anche per il 2017, l'ecobonus e lo sconto per miglioramento e adeguamento antisismico fino al 2021. Il sisma bonus continua a partire dal 50%, ma potrà arrivare al 85% in caso di miglioramento di 2 classi di rischio: le percentuali di sconto aumentano al 70% e 80% per le case e al 75% e 85% per i condomini. La detrazione viene ridotta da 10 anni a soli 5 anni, per un valore massimo di € 96.000 per ogni singolo anno. Altro ingresso ex novo, sempre per i condomini, è che i potenziali beneficiari cui è possibile cedere il credito fiscale maturato, non sono più solo le imprese che effettuano i lavori ma anche soggetti terzi. e sarà possibile cedere la detrazione sulle parti comuni dei condomini a soggetti terzi. Per tutto il 2