Post

Visualizzazione dei post da Giugno, 2016

MIGLIORIAMO LE COSE

PER CHI VUOL VENDERE O COMPERARE UNA CASA Oggi voglio tornare sul concetto della specializzazione e per farlo parto da un colloquio avuto nella giornata di ieri con un mio cliente, che chiamerò Romolo. L'appuntamento è nel mio studio alle ore 11.00, Romolo puntuale arriva con delle fotocopie di una planimetria di un locale/ufficio/studio che vuole affittare nel centro della città. Si tratta di un locale commerciale che misura mq 175 oltre a 175 mq di seminterrato. Lui sa che io non tratto locali commerciali, ma vuole una consulenza da me, che costa € 100,00. Tra le sue fotocopie c'è anche un foglio dove ha appuntato l'esito delle visite fatte con più agenzie., con lo scopo di ottenere una valutazione di mercato. Romolo è confuso, queste valutazioni vanno da € 1.000 ad € 3.000 ed anche di più in alcuni casi, circa 15 operatori immobiliari hanno detto la loro opinione, secondo le loro.... non so con che criterio...... Romolo mi chiede. Cosa vuol dire tutto quest

NOVITA' PER I PROPRIETARI DI IMMOBILI

Il 31 maggio è entrato in vigore  il nuovo Conto Termico 2.0. Nel nuovo Conto Termico l’incentivo è corrisposto in rate annuali costanti, per la durata definita per ogni tipologia di intervento (2 o 5 anni). E’ stata però innalzata, dai precedenti 600 euro a 5.000 euro, la somma massima dell’incentivo che può essere erogata in un’unica rata, qualora l’ammontare totale dell’incentivo stesso sia non superiore ad essa. Per accedere alle agevolazioni, i soggetti beneficiari devono presentare domanda online sul sito del GSE attraverso il cosiddetto “Portaltermico”, entro 60 giorni dalla data di conclusione dell’intervento, ovvero 60 giorni dalla data in cui è resa disponibile sul sito del GSE la scheda-domanda di accesso all’incentivo. Gli interventi di produzione di energia termica da fonti rinnovabili coperti dal nuovo conto termico, sono i seguenti: - sostituzione di impianti di climatizzazione invernale esistenti con impianti di climatizzazione invernale, anche combinati per la

IMU e TASI

PROPRIETARI Termine ultimo per il pagamento della prima rata della TASI  e dell'IMU è fissato per il 16/06/2016 Coloro che possiedono case di lusso o immobili non destinati ad abitazione principale, dovranno versare l'acconto dell'IMU e della TASI. Ecco alcune notizie utili: Da quest'anno è abolita la TASI sugli immobili utilizzati dai proprietari come prima casa, l'IMU agricola e l'IMU sui macchinari imbullonati. Si considera prima casa l'immobile iscritto o iscrivibile nel catasto edilizio urbano come unica  unità immobiliare, nel quale il possessore e il suo nucleo familiare, dimorano abitualmente e risiedono anagraficamente. Ai fini TASI è estesa la definizione di abitazione principale, anche ai locatari che utilizzano l'immobile in locazione come loro abitazione principale, quindi con residenza e dimora abituale. Imposta che invee viene pagata dai locatori per la loro quota che va dal 70% al 90%. Sono abitazioni principali, anche :