Passa ai contenuti principali

Primo step per comprare casa: verificare l'atto di provenienza.


Quando si compra casa, uno dei controlli più importanti da eseguire per stabilire la regolarità dell’immobile ed evitare brutte sorprese, è quello sulla “provenienza” del bene.
Occorre, cioè, ricostruire i passaggi che hanno portato il venditore ad essere pieno titolare del bene e legittimato a disporne. Per svolgere questa verifica è necessario richiedere l’atto di provenienza. L’atto di provenienza di un immobile è il documento (atto notarile, sentenza, decreto) che assegna ad una persona la titolarità dell’immobile stesso. A volte si fa confusione su cos’è l’atto di provenienza e non è chiaro neppure come reperirlo: chi lo deve fornire? Quando serve? Vediamolo nel dettaglio.

Che cosa è l’atto di provenienza
Solitamente si pensa sia semplicemente ed esclusivamente l’atto con il quale il venditore, a sua volta, ha acquistato l’immobile. Ma non sempre è così. Chi vende un’unità immobiliare non deve averla per forza acquistata: può averla ricevuta in donazione, nel qual caso l’atto di provenienza sarà rappresentato dall’atto notarile di donazione, oppure può averla ereditata, nel qual caso la provenienza sarà desunta dalla dichiarazione di successione, dall’eventuale testamento, dall’accettazione dell’eredità – trascritta nei registri immobiliari – e dall’originario titolo di acquisto del defunto, unitamente ai riscontri sulle certificazioni anagrafiche per individuare il legittimo erede. L’atto di provenienza, inoltre, potrebbe essere rappresentato da un provvedimento giudiziale: si pensi a quelle ipotesi in cui si diviene proprietari (o titolari di un diritto reale) in ragione dell’usucapione, accertata con sentenza da un giudice. Non solo, l’Autorità Giudiziaria può trasferire la proprietà degli immobili attraverso decreti emanati nell’ambito delle procedure esecutive immobiliari. Anche questi rappresentano atti di provenienza e come tali possono dover essere esibiti in occasione della vendita.

Quali informazioni contiene
Il documento, sia che provenga da un tribunale che dal notaio, contiene tre informazioni principali: - chi è il titolare dell’immobile: e quindi la persona, fisica o giuridica che ha diritto di proprietà sull’immobile (in caso di più proprietari il documento riporta le quote di appartenenza di ciascuno); - a che titolo è diventato proprietario dell’immobile: che si tratti di proprietà piena, nuda proprietà, proprietà superficiaria, usufrutto e così via; - eventuali clausole di utilizzo: ad esempio condizioni sospensive o risolutive, limitazioni, vincoli, servitù o simili.

Quando serve
In generale l’atto di provenienza di un immobile è necessario per stipulare un atto di compravendita, un mutuo ipotecario, o ogni altro atto dispositivo del diritto detenuto. Nel caso della compravendita, il documento permette al potenziale compratore di capire chi sia legittimato alla valida vendita dell’immobile. Se l’immobile è stato costruito direttamente dal venditore, allora occorrerà l’atto di acquisto del terreno, unitamente al permesso di costruire. Nel caso di mutuo ipotecario, l’istituto di credito analizzando il titolo di provenienza può valutare quali diritti ha il mutuatario sulla casa e in quale quota, oltre ad individuare eventuali limiti alla ipotecabilità del bene.

Chi lo rilascia
Secondo la legge può essere rilasciato da due autorità: il notaio che ha rogato l’atto o il giudice. Il notaio generalmente consegna il documento al soggetto che ha acquisito diritti sul bene a seguito del trasferimento di proprietà, a prescindere che si tratti di atto di compravendita, divisione, donazione o altro. Se si tratti di notaio pensionato o trasferito è l’Archivio notarile distrettuale che rilascerà la copia. In alternativa al notaio, un atto di provenienza può essere rilasciato da un giudice. Come accennato precedentemente, una sentenza di un Tribunale equivale a un atto di provenienza ad esempio quando si pronuncia su una causa per usucapione o quando assegna un immobile a un aggiudicatario dopo una procedura esecutiva immobiliare. La ricostruzione della “provenienza” non è sempre attività semplice, soprattutto quando essa sia il frutto della sommatoria di fatti, situazioni, documenti, certificazioni. Per questo motivo, quando ci si accinge a comprar casa, è sempre opportuno servirsi da subito di un consulente qualificato, come un notaio, che saprà valutare nel complesso la fattibilità dell’operazione.

Commenti

Post popolari in questo blog

Quali sono le misure minime per una cameretta?

Ricavare una cameretta consente di adattare la propria abitazione a nuove esigenze familiari, come l’arrivo di un nuovo bambino o la voglia di indipendenza di un figlio adolescente.

CON LA RISTRUTTURAZIONE LA CASA VALE IL 12% IN PIU' ED I TEMPI DI VENDITA SCENDONO A CINQUE MESI

Una casa ristrutturata aumenta il proprio valore fino al 19% (12% al netto delle spese per i lavori) e può fruttare un affitto più alto del 22% rispetto alla media. Non solo, secondo una simulazione di Immobiliare.it e Prontopro.it (portale che raccoglie online i preventivi di artigiani e professionisti) i tempi di vendita calano da 6,6 a 5,4 mesi e quelli di locazione da 4,6 a 3,5. Sono stati ipotizzati due tipi di intervento su un bilocale di 52 mq in una grande città. Il primo “pacchetto” comprende il rifacimento del bagno, la tinteggiatura delle pareti, la revisione dell’impianto elettrico e alcuni infissi nuovi, per un costo medio stimato di 5.700 euro. Il risultato è un aumento di valore del 12% e il calo dei tempi di vendita da 6,6 a 6,1 mesi. Aggiungendo poi un “pacchetto comfort” composto da antifurto, condizionatore monosplit e zanzariere, del costo di altri 2mila euro, si aggiunge un ulteriore 7-8% ai valori di vendita e affitto, con i tempi che scendono rispett

Il piano di vendita

Per te che vuoi vendere la tua villa o villetta: oggi puoi avere la garanzia di riuscire a farlo realizzando il massimo del prezzo possibile In che modo? Ecco " FACCIO21" il metodo che ti da la certezza della vendita ed al massimo del prezzo realizzabile .