martedì 21 novembre 2017

LE SUCCESSIONI

UNIONI CIVILI

Il componente dell'unione civile acquisisce lo status di successore legittimo, quindi, il diritto a conseguire una quota dell'eredità e ad abitare vita natural durante nella casa adibita a residenza della coppia.

Il componente dell'unione civile acquisisce lo status di successore neccessario e , quindi, il diritto di contestare le donazioni e le disposizioni testamentarie che non gli permettono di acquisire una quota del patrimonio del defunto risultante dalla somma di quello lasciato dal defunto alla sua morte e di quello che il defunto medesimo abbia fatto oggetto di donazione durante la sua vita.

CONVIVENZA DI FATTO

Il convivente di fatto non matura diritti successori in caso di morte del partner; qualora però la convivenza si svolgesse in una abitazione di titolarità del convivente defunto, il superstite matura un diritto di abitazione di durata biennale; se tuttavia la convivenza perdurasse da oltre 2 anni, questo diritto di abitazione vige per un periodo pari alla durata della convivenza , ma non superiore a 5 anni .

Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.