mercoledì 1 marzo 2017

CHE VENDE LA CASA HA TEMPO PER LO SCONTO

Per alienare l'immobile dopo averne acquistato un altro, si può aspettrae un anno. L'agevolazione è garantita.
L'acquisto della prima casa è sicuramente un passo fondamentale nella vita di una persona o di una famiglia. E' quindi fondamentale conoscere le agevolazioni fiscali esistenti a favore di chi decide di acquistare un immobile da adibire ad abitazione principale. La fruizione di tali agevolazioni è subordinata al rispetto di alcuni requisiti ed adempimenti richiesti dalla normativa.

La legge di stabilità dell'anno scorso ha introdotto la possibilità per i soggetti che hanno già acquistato un immobile usufruendo dell'agevolazione fiscale prima casa ( Iva 4% o Imposta di registro 2%) di poter riavere il bonus: si potrà acquistare un immobile con l'agevolazione prima casa anche per chi ne ha già usufruito, a condizione di vendere il vecchio immobile entro un anno dal nuovo rogito.

La nuova disposizione rende più elastica la fruizione dell'agevolazione fiscale: spesso, infatti,  il contribuente che intende vendere la propria prima casa per acquistarne un'altra, può trovarsi nella difficoltà di riuscire a concludere la vendita prima del nuovo acquisto.. Chiaramente devono sussistere  tutti i requisiti previsti dalla normativa per poter usufruire dell'agevolazione fiscale prima casa. L'immobile che si intende acquistare non deve  essere compreso nelle categorie catastali A/1 ( abitazioni di tipo signorile) A/8 ( abitazioni in ville) e A/9 ( castelli, palazzi di eminenti pregi artistici o storici ).

Quindi, la nuova normativa fiscale agevolata consentel'applicazione dell'aliquota agevolata all'acquirente che è ancora titolare su tutto il territorio nazionale dei diritti di proprietà, usufrutto, uso, abitazione enuda proprietà su un'altra abitazione già acquistata dallo stesso soggetto o dal coniuge con le agevolazioni prima casa anche qualora questa sia ubicata nello stesso comune in cui si trova il nuovo immobile da acquistare. La condizione per l'applicazione dell'aliquota agevolata è che il precedente immobile acquistato con le agevolazioni fiscali venga venduto entro un anno dal nuovo acquisto. In mancanza di tale vendita entro un anno, l'imposta di registro è dovuta nella misura ordinaria del 9%.

REGIME FISCALE AGEVOLATO PER L'ACQUISTO PRIMA CASA

Se la cessione è imponibile a Iva, l'agevolazione consiste nell'applicazione dell'aliquota ridotta del 4 %. Sono inoltre dovute le imposte di registro, ipotecaria e catastale di euro 200 ciascuna, l'imposta di bollo e la tassa ipotecaria. Se, invece, la cessione non è imponibile Iva, l'agevolazione consiste nell'applicazionedell'imposta proporzionale di registro ridotta del 2% ( con un minimo di € 1.000,00), nonchè delle imposte ipotecarie e catastale di € 50 ciascuna. L'agevolazione per la prima casa è prevista sugli atti a titolo oneroso che comportino il trasferimento delala proprietà o di altro diritto reale ( nuda proprietà, abiatzione, ususfrutto) relativi ad un'unita  immobiliare non avente le caratteristiche di casa di lusso.

Si devono verificare le seguenti condizioni affinchè l'aliquota agevolata sia applicabile: l'abitazione trasferita deve essere una casa di abitazione " non di lusso "; l'immobile deve essere ubicato nel Comune dove l'acquirente abbia o stabilisca entro 18 mesi la propria residenza o nel quale svolga la propria attivittà, anche non lavorativa.

L'agevolazione fiscale sulla prima casa è riconosciuta anche nel caso di acquisto congiunto di due appartamenti contigui con l'obbiettivo di ricavarne un'unica unità

Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.