mercoledì 6 gennaio 2016

AFFITTI CONCORDATI.

Nella nuova legge di stabilità del 2016, sono previste delle agevolazioni per gli immobili concessi in locazione. La Tasi, se il comune decide di applicarla anche sulle abitazione affittate, viene pagata in parte anche dall'inquilino, in un misura tra il 10 e il 30% secondo quanto previsto dalla delibera municipale. Spesso si tratta di pochi euro, ma se la casa è per l'inquilino un'abitazione principale, non si pagheranno neppure quelli.
Più sostanzioso il vantaggio per i proprietari che affittano a canone concordato: l'Imu sarà ridotta del 25% rispetto a quella applicata ai contratti liberi.
Il bonus che si aggiunge ad un'altra disposizione fiscale già in vigore: la cedolare secca per queste tipologie contrattuali è stata ridotta del 10%.

Mai come in questi tempi, risulta conveniente affittare le case.

Con fiducia e serenità

Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.