mercoledì 28 ottobre 2015

TIRIAMO AVANTI......

Molte persone che incontro , mi chiedono se il mercato immobiliare si è ripreso o se il mattone è ancora fermo ai blocchi di partenza.

La domanda non può avere una risposta chiusa, un si o un no , non vorrebbero dire nulla, ma merita una riflessione molto più articolata, che solo scrivendo questo articolo, posso cercare di esaudire nel miglior modo possibile, la voglia di curisitàdi chi mi pone la domanda ed anche delle altre persone che mi leggono e che mi leggeranno. 

Per cominciare farei un distinguo: 

1.  Mercato immobiliare per investire del denaro 

2. Mercato immobiliare per casa da destinare a propria abitazione.

Partiamo dal primo punto, l'investimento nel mattone, è molto sicuro ed ha la caratteristica di raccogliere i suoi frutti minimo a 10 anni, questo è ancora possibile, anzi se acquisti nelle posizioni giuste e con le caratteristiche adeguate ai giorni nostri, la resa è garantita. Le tasse sulla casa, non  sono un problema se tiene l'immobile affittato , specialmente con i contratti di locazione agevolati, di cui puoi usufruire oggi.

Se pensi di comperare oggi a 100.000 euro  e rivendere tra 1 anno a 120.000 euro , SCORDATELO, non accadeva neanche prima, solo tra il 2002 ed il 2006 , quando il mercato immobiliare era particolare, ma ti assicuro che non accadrà più.

L'eccezione potrebbe verificarsi, se acquisti un immobile da ristrutturare, esegui i lavori, usufruendo delle agevolazioni del 50% oppure del 65%, finita la ristrutturazione lo rivendi e probabilmente, pagata la tassa di speculazione, potresti guadagnare circa il 7/12%.

Ma attento a dove comperi e cosa comperi.


Il punto 2, riguarda il mercato della prima casa o per residenza. 

Non acquisterai mai una casa per trascorrere buona parte della tua vita, se non ti piace, se non ti crea emozioni, anche se costa poco.... il prezzo è importante ma non fondamentale.....

Acquisti non per razionalità, ma per il brivido che senti, appena la vedi, per le emozioni che provi,comperi  ciò che ti risolve il problema per i prossimi 15/20 anni.

Conta poco se le compravendite sono in calo o in aumento, conta essere colpiti nel cuore.

Certo negli ultimi anni, i media, la mancanza di professionalità dei miei colleghi, i ragionamenti volti al pessimismo, di chiunque incontravi, non ti motivavano sicuramente a metterti in movimento alla ricerca di un'abitazione che migliorasse le tue condizioni, anzi se incontravi qualcuno che ti chiedeva come va, rispondevi:  TIRIAMO AVANTI.....SOPRAVVIVIAMO .......

Oggi vedo più fiducia, più voglia di fare, ma attenzione tutto sta cambiando ,in meglio, il fai da te può essere pericoloso, affidatevi a dei veri professionisti, anche se capire chi sono, non è facile.....

Fiducia e serenità
Giorgio Coppini

Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.